logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Malo

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30    
       

Testimonianze

Commiato del Sindaco di Malo Antonio Antoniazzi il 29 giugno 2007, giorno della celebrazione funebre

Siamo qui riuniti per celebrare Luigi Meneghello, senza dubbio una delle più grandi voci del Novecento ma soprattutto un uomo molto amato nel suo paese natale. Come Sindaco di Malo voglio innanzitutto esprimere la profonda gratitudine di tutti i maladensi nei confronti di Luigi Meneghello per il dono prezioso ricevuto da questo grande uomo che, con il suo ingegno e la sua opera, ha colto davvero l’essenza della maladensità e ci ha resi depositari di un’identità culturale che conserveremo per sempre. Grazie ai suoi scritti le case rurali, le polverose strade del paese, la colorata atmosfera cittadina, il bosco del Montecio rivivono sui banchi delle scuole, sulle cattedre universitarie rendendo la sua, la nostra piccola Malo nota al mondo intero. Luigi Meneghello nelle sue pagine con affettuosa nostalgia ha parlato delle nostre radici, di come eravamo quando la realtà di Malo era quella di una semplice e autentica società contadina con i suoi personaggi, le sue consuetudini. E noi attraverso i suoi occhi ci riappropriamo di questo passato e non temiamo che questo patrimonio vada perduto perché resterà a disposizione delle future generazioni nei suoi scritti. Avremmo voluto averlo qui con noi ancora per lungo tempo per condividere l’interesse per il nostro territorio, per godere ancora della compagnia di questa mente brillante, per sentirlo parlare di Malo coma un paese “Bellino ancora” come disse in una trasmissione pochi mesi orsono. Non ci resta che la memoria e ricorderemo il professore passeggiando per Malo e gettando uno sguardo alla sua casa natia rimasta pressoché intatta da quando vi trascorse la sua infanzia, lo ricorderemo con orgoglio e nostalgia ogni volta che leggeremo il suo nome sui più illustri testi di cultura contemporanea, lo ricorderemo provando un moto d’affetto quando saremo immersi nella lettura delle sue opere. Lo rimpiangeremo ogni volta che una testimonianza della Malo del passato andrà perduta e non ci sarà più nessuno a raccontarla.

Commiato del Professor C. Duggan il 29 giugno 2007, giorno della celebrazione funebre
(Christopher Duggan, Professor of Italian History, Università Reading)

Io sono l’attuale capo del dipartimento di studi italiani all’Università di Reading, il dipartimento che Gigi ha creato negli anni dopo il suo arrivo da giovane nel 1947 nell’Inghilterra – un’Inghilterra austera e curiosamente tradizionale e sicura di sè, che lui ha rievocato magistralmente nel Dispatrio. All’inizio l’insegnamento della letteratura e della storia italiana, a cui Gigi si dedicava, faceva parte del dipartimento d’inglese, ma nel 1961, grazie alla sua energia e visione, si è formato un dipartimento autonomo di studi italiani. E per quasi 20 anni Gigi è remasto capo di questo dipartimento, guidando la sua crescita. Quando io sono arrivato nel dipartimento nel 1987, sette anni dopo il suo ritiro per dedicarsi alle sue attività letterarie, Gigi era una presenza ancora quasi corporea. Tutti parlavano di lu. Tutti – il suo amico strettissimo Giulio Lepschy, Chris Wagstaff e Percy Allum (oggi qui presenti), Zyg Baranski, Silvia Stewart, Shirley Vinall, Verina Jones, Paul Corner, Stuart Woolf – tutti ricordavano con tanto affetto vicende, detti, momenti, episodi – episodi anche un po’ machiavellici – di questo scrittore geniale che aveva creato un dipartimento così originale; un dipartimento nella sua immagine, pieno di umanità, di umanismo, di vivacità e di curiosità per tutte le manifestazioni dell’intelletto: della letteratura, della lingua, della storia, della filosofia, dell’arte. Noi tutti del suo dipartimento a Reading, tutti i suoi amici e colleghi inglesi, lo salutiamo a lo ringraziamo per tutto quel che ha fatto, e soprattutto per quel che è stato come essere umano.

Via S. Bernardino, 19


P.Iva IT 00249370248

Codice Iban IT86E0622512186100000046294

Codice Bankit Comune di Malo: 0070526

PEC: malo.vi@cert.ip-veneto.net