logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Malo

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Maggio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31    
       

Area anziani e disabili

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

E’ una figura istituita con la legge 9 gennaio 2004 n. 6, a tutela delle persone anziane o disabili o comunque di quelle persone che, per effetto di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi, ma non sono in condizioni così gravi da richiedere l’interdizione o l’inabilitazione.

L’amministratore di sostegno viene nominato dal Giudice Tutelare e scelto, per quanto possibile, nello stesso ambiente familiare dell’assistito (il coniuge, purché non separato legalmente, la persona stabilmente convivente, il padre, la madre, il figlio, il fratello o la sorella o comunque un parente entro il quarto grado).

La durata dell’incarico è a tempo determinato e può essere prorogata, a meno che sia nominato amministratore di sostegno un parente o il coniuge o la persona stabilmente convivente, nel qual caso dura per sempre, salvo rinuncia dell’amministratore o richiesta di revoca dello stesso interessato.

La domanda per l’amministrazione di sostegno può essere presentata dalla stessa persona interessata oppure dal coniuge, dalla  persona stabilmente convivente, dai parenti entro il 4° grado, dagli affini entro il 2° grado, oppure dal tutore o curatore o dal pubblico ministero. La domanda va presentato in carta semplice secondo un modello disponibile presso l’ufficio dell’assistente sociale. Non è necessaria l’assistenza di un avvocato e il procedimento non prevede alcuna spesa, ad eccezione di quelle relative alle notifiche e valori bollati.

A chi rivolgersi

All’assistente sociale del Comune

Per informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo tel 0445585265-585276

 

IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE ( SOSTITUISCE ASSEGNO DI CURA)

Descrizione del contributo

Nel 2013 la Regione Veneto ha innovato le modalità di erogazione dei contributi per le cure domiciliari per persone non autosufficienti; l’assegno di cura è stato sostiutito dall’impegnativa di cura domiciliare (ICD).

Si tratta di un contributo erogato per l’assistenza delle persone non autosufficienti al proprio domicilio. Serve ad acquistare direttamente prestazioni di supporto e assistenza nella vita quotidiana, ad integrazione delle attività di assistenza domiciliare dell’ULSS.

Tipologia

In totale sono state previste 5 tipologie di ICD:

  • ICDb: per utenti con basso bisogno assitenziale e con ISEE inferiore a Euro 16.631,71 (per 2013). Il contributo mensile è di Euro 120,00.
  • ICDm: per utenti con medio bisogno assitenziale, con presenza di demenze accompagnate da gravi disturbi comportamentali, con ISEE inferiore a Euro 16.631,71 (per 2013). Il contributo mensile è di Euro 400,00.
  • ICDa: per utenti con alto bisogno assistenziale, con disabilità gravissime e in condizione di dipendenza vitale che necessitano di assistenza continua nelle 24 ore. Il limite di ISEE è di 60.000,00 euro e l’importo mensile del contributo varia in funzione del reddito o del progetto assistenziale.
  • ICDp: per utenti con grave disabilità psichica e intellettiva; l’importo mensile del contributo varia in funzione del reddito o del progetto assistenziale.
  • ICDf: utenti con grave disabilità fisico-motoria (ex progetti vita indipendente); l’importo mensile del contributo varia in funzione del reddito o del progetto assistenziale.

 Requisiti

I requisiti sono:

  • che la persona sia non autosufficiente e sia adeguatamente assistita (ciò verrà verificato dal medico curante e dall’assistente sociale, tramite apposita scheda di valutazione).
  • che l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare non superi il limite stabilito dalla legge.

Come, dove e quando presentare la domanda

La domanda va presentata direttamente all’assistente sociale comunale su apposito modulo approvato dalla Regione Veneto.

Può presentare la domanda la persona interessata oppure un familiare anche se non convivente oppure una persona, preferibilmente convivente, di cui il servizio sociale comunale accerti che provvede effettivamente a dare adeguata assistenza alla persona non autosufficiente.

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento.

Ogni anno occorre aggiornare l’attestazione ISE/ISEE.

Documentazione da allegare

Alla domanda deve essere allegata l’attestazione ISE/ISEE, che ha validità annuale.

Per informazioni

Sull’impegnativa di cura domiciliare: Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo tel 0445/585276

Sull’ISE/ISEE: Centri di assistenza fiscale (CAF), anche se non convenzionati col Comune


ASSISTENZA DOMICILIARE

Descrizione del servizio

L’assistenza domiciliare è un servizio che viene reso presso il domicilio delle persone non completamente autosufficienti da personale qualificato, che svolge il proprio lavoro con professionalità, riservatezza e rispetto della persona. L’assistenza è rivolto particolarmente alle persone anziane, disabili, minori o a nuclei familiari con soggetti a rischio di emarginazione.

Il servizio di assistenza domiciliare assicura prestazioni socio-assistenzali quali la cura e l’igiene personale, la consegna del pasto a domicilio (vedi a parte), l’aiuto domestico (disbrigo e riordino della casa, lavori di piccolo bucato, stiratura e cucito, spesa ed eventuale aiuto nella preparazione dei pasti e lavaggio delle stoviglie), le commissioni varie (pagamento bollette, acquisto farmaci, ecc.), il servizio di lavanderia (compreso il ritiro e la consegna a domicilio), l’ accompagnamento presso uffici, ambulatori o altre strutture socio-sanitarie.

Requisiti

Per accedere al servizio il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

  • Essere residente o domiciliati nel comune di Malo
  • Non autosufficienza o parziale autosufficienza valutata dall’assistente sociale

Come, dove e quando presentare la domanda

La domanda va presentata, secondo necessità, direttamente all’assistente sociale su apposito modulo. Alla domanda segue un colloquio con l’assistente sociale ed un’eventuale visita domiciliare.

Documentazione da presentare

Sarà richiesta una specifica documentazione caso per caso.

I costi

E’ prevista una compartecipazione economica da parte dell’utente. Nei casi previsti dal regolamento comunale o da specifica relazione dell’assistente sociale, il servizio è gratuito.

Tempi di erogazione del servizio

Una volta verificati i requisiti e la disponibilità del personale e dei mezzi comunali, i tempi per l’ammissione al servizio sono di pochi giorni.

Per informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo tel 0445585276;

 

CONTRIBUTI PER L’ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Legge n. 13 del 09.01.1989

La Legge n. 13 del 09.01.1989 dà la possibilità di richiedere contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche in edifici privati, per facilitare la vita di relazione dei mutilati ed invalidi civili, che hanno difficoltà di accesso o di fruibilità dell’alloggio in cui abitano.

Le domande di contributo sono ammesse solo per interventi finalizzati all’eliminazione di barriere architettoniche e sono concedibili per interventi su immobili privati già esistenti ove risiedono disabili con menomazioni o limitazioni funzionali permanenti.

Possono essere eseguiti i sotto indicati lavori:

Ø      Rampa di accesso

Ø      Servo scala

Ø      Piattaforma o elevatore

Ø      Ascensore (installazione/adeguamento)

Ø      Ampliamento porte d’ingresso

Ø      Adeguamento percorsi orizzontali condominiali

Ø      Installazione dispositivi di segnalazione per favorire mobilità dei non vedenti all’interno degli edifici

Ø      Installazione meccanismi di apertura e chiusura porte

Ø      Acquisto attrezzatura qualora non sia possibile la realizzabile delle opere per impedimenti materiali (es. servoscale o carrozzina montascale)

Ø      Adeguamento spazi interni dell’alloggio (bagno, cucina, camere, ecc..)

Ø      Adeguamento percorsi orizzontali e verticali interni all’alloggio

 Requisiti

Hanno diritto a presentare le domande di contributo:

Ø      I disabili con menomazioni o limitazioni funzionali permanenti di carattere motorio e i non vedenti

Ø      I condomini i quali abbiano a carico persone con disabilità permanente

Ø      I condomini ove risiedono le suddette categorie di beneficiari

Ø      I centri o istituti residenziali per i loro immobili destinati all’assistenza di persone con difficoltà

Chi può fare la domanda

Ø      L’interessato

Ø      L’esercente la potestà o tutela

Ø      Colui che ha a carico il soggetto portatore di handicap

Ø      L’amministratore di condominio

Ø      Il responsabile del centro o istituto (ex art. 2 della Legge 27.02.1989 n. 62)

 A chi rivolgersi

All’assistente sociale del Comune di Malo

 Documentazione da presentare

Ø      La domanda va presentata compilando l’apposito modulo disponibile presso l’ufficio dell’assistente sociale

Ø      Copia del verbale della commissione attestante l’invalidità totale con difficoltà di deambulazione

Ø      Codice fiscale

Ø      Preventivo di spesa comprensivo di IVA

Ø      Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, da cui risultino l’ubicazione dell’immobile e le relative difficoltà di accesso

 Quando richiedere il contributo

Le domande dei cittadini devono essere presentate entro e non oltre il 1° marzo di ogni anno, salvo proroga disposta dalla Regione.

Alla data della domanda i lavori non devono essere già stati eseguiti né essere in corso di attuazione.

Sarà cura del Comune di Malo inoltrare la graduatoria delle domande pervenute alla Regione, presso l’Ufficio Edilizia Pubblica entro la data stabilita dalla normativa vigente.

A lavori ultimati deve essere prodotta la fattura al Comune.

 Entità del contributo

 Ø      Per lavori fino a Euro 2.582,28 – rimborso fino al 100%

Ø      Per lavori da Euro 2.582,28 a Euro 12.911,42 – contributo fino al 25% sull’importo che eccede la spesa di Euro 2.582,28

Ø      Per lavori da Euro 12.911,42 a Euro 51.645,69 – ulteriore contributo fino al 5% sull’importo che supera la spesa di Euro 12.911,42

Di fatto però l’importo del contributo dipende dalle disponibilità finanziarie.

Il contributo è cumulativo con altri concessi a qualsiasi titolo. Le domande non soddisfatte nell’anno per mancanza di fondi rimangono valide per gli anni successivi senza rinnovare la richiesta.

 

Legge Regionale n. 16 del 12.07.2007

 

Con la Legge Regionale 16 del 12.07.2007 la Regione Veneto promuove iniziative ed interventi atti a garantire la fruibilità degli edifici pubblici, privati e degli spazi aperti al pubblico, quale condizione essenziale per favorire la vita di relazione e la partecipazione alle attività sociali e produttive da parte delle persone con disabilità.

Ai fini della legge regionale s’intende per:

a)     persone con disabilità: il soggetto con disabilità fisica, sensoriale, psicologico-cognitiva, permanente o temporanea;

b)     facilitatori della vita di relazione: le suppellettili, le attrezzature e gli arredi che consentano alla persona con disabilità la pratica delle funzioni quotidiane;

c)     fruibilità: la possibilità, per le persone, di poter utilizzare con pieno godimento spazi aperti, spazi costruiti, arredi, servizi informativi, attrezzature e svolgere attività in sicurezza ed in autonomia.

 

Le finalità della legge sono perseguite attraverso:

Ø      gli interventi finanziari per garantire la fruibilità degli edifici e degli spazi pubblici, degli edifici e spazi privati aperti al pubblico;

Ø      gli interventi finanziari per garantire la fruibilità degli edifici privati;

Ø      gli interventi finanziari per l’acquisto di facilitatori della vita di relazione;

Ø      gli interventi finanziari per consentire l’accesso e l’uso dei mezzi di trasporto pubblico locale da parte delle persone con disabilità;

Ø      gli interventi finanziari per l’adattamento di mezzi di locomozione privati.

 Requisiti

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dalla legge:

Ø      gli enti pubblici;

Ø      le aziende concessionarie di servizi di trasporto pubblico locale;

Ø      i soggetti privati proprietari di spazi o edifici aperti al pubblico, ivi comprese le imprese;

Ø      le persone con disabilità o coloro i quali li abbiano a carico, ai sensi dell’art. 12 del D.P.R. n. 917/1986, e i soggetti che li assistono o li rappresentano.

 A chi rivolgersi

All’Assistente sociale del Comune di Malo

 Documentazione da presentare

Ø      La domanda va presentata compilando l’apposito modulo disponibile presso l’ufficio dell’Assistente sociale

Ø      Copia del certificato rilasciato dall’U.L.S.S. attestante la situazione di handicap grave o equivalente certificazione medica;

Ø      Indicazione delle opere da realizzare e della relativa spesa, comprensiva di IVA.

 Quando richiedere il contributo

Entro 60 giorni dalla data di pubblicazione sul BUR del Piano Annuale di Intervento.

Entro il termine ordinario del 31 gennaio di ogni anno la Giunta Regionale, sentite le competenti commissioni consiliari, adotta il Piano Annuale di Intervento per l’eliminazione delle barriere architettoniche nel quale sono definiti:

a)     l’ammontare complessivo dei fondi regionali disponibili;

b)     i criteri per la ripartizione dei fondi regionali disponibili;

c)     la proprietà di intervento;

d)     i criteri e le modalità per la concessione del contributo.

 Entità del contributo

Ø      Per la realizzazione di opere direttamente finalizzate alla fruibilità degli edifici e spazi privati, ivi compresi gli edifici adibiti a luogo di lavoro e gli edifici di edilizia residenziale agevolata con fondi regionali, possono essere concessi contributi in misura non inferiore al 10% e non superiore al 50% della spesa effettivamente sostenuta e comunque per un importo che non superi Euro 12.000,00 per ogni singolo intervento;

Ø      Per l’acquisto e la posa in opera di facilitatori della vita di relazione, con fondi regionali possono essere concessi contributi ad enti e a soggetti pubblici e privati in misura non inferiore al 15% e non superiore al 50% della spesa effettivamente sostenuta e comunque per un importo che non superi Euro 20.000,00 per ogni singolo intervento;

Ø      Per adattamento di motoveicoli e autoveicoli in funzione delle minorazioni anatomiche e funzionali, con fondi regionali possono essere concessi contributi in misura non inferiore al 1o% e non superiore al 50% della spesa effettivamente sostenuta e comunque per un importo che non superi Euro 12.000,00 per ogni singolo intervento.

 Per presentare la domanda e/o informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

 

PASTI A DOMICILIO

 Descrizione del servizio

La consegna dei pasti a domicilio è uno specifico servizio dell’assistenza domiciliare comunale e consiste nel fornire presso l’abitazione degli utenti il pasto cucinato e confezionato da una ditta specializzata.

Lo scopo è anche quello di mantenere le persone nel proprio ambiente abitativo e familiare cercando di evitare l’isolamento e l’emarginazione sociale.

L’erogazione del servizio avviene dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi, o anche soltanto in alcuni giorni prestabiliti dall’utente.

La consegna viene effettuata dal personale socio-assistenziale del Comune solo per il pranzo.

 Requisiti

Per accedere al servizio il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

Ø      Essere residente o domiciliato nel comune di Malo

Ø      Non autosufficienza o parziale autosufficienza valutata dall’assistente sociale

 Come, dove e quando presentare la domanda

La domanda va presentata, secondo necessità, direttamente all’assistente sociale. Alla domanda segue un colloquio con l’assistente sociale ed un’eventuale visita domiciliare.

 Costi del servizio

E’ prevista una compartecipazione economica da parte dell’utente pari a Euro 6,00.

Nei casi previsti dal regolamento comunale o da specifica relazione dell’assistente sociale, il servizio è gratuito.

 Tempi di erogazione del servizio

Una volta verificati i requisiti e la disponibilità del personale e dei mezzi comunali, i tempi per l’ammissione al servizio sono di pochi giorni.

 

Per informazioni:

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

 

UNIVERSITA’ ADULTI/ANZIANI

L’università adulti/anziani è attiva dal 2005 nel Comune di Malo.

Le lezioni si sviluppano in tre bimestri intervallati fra loro, nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 15,00 alle ore 17,30 e si svolgono  presso la sala polifunzionale di Piazzale Zanini nel Comune di Malo.

Le iscrizioni sono aperte a tutti, senza limiti di età o di titolo di studio, secondo le modalità fissate annualmente dal comitato locale.

Agli iscritti è consentita anche la frequenza parziale ad alcuni corsi. Non è consentita invece la sola frequenza ai seminari e/o attività complementari.

L’università, al termine di ogni anno e alla conclusione del ciclo quinquennale, rilascia un “diploma di frequenza” a quanti hanno raggiunto i crediti sufficienti .

Costi

Vengono aggiornati annualmente dall’amministrazione comunale.

Per iscrizioni e/o informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

 

RICOVERO IN CASA DI RIPOSO (INTEGRAZIONE RETTA)

Le richieste di ricovero, temporaneo o definitivo, presso le strutture residenziali e diurne per anziani devono essere presentate all’assistente sociale del comune di residenza.

L’Amministrazione Comunale provvede al pagamento della quota della retta per il ricovero di persone anziani o disabili in istituti o in comunità, che il ricoverato ed eventualmente i parenti obbligati per legge non sono in grado di sostenere.

Requisiti

Per accedere al contributo il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

Ø      Essere residente nel Comune di Malo

Ø      Situazione di indigenza del richiedente

Ø      Condizione di Non autosufficienza totale certificata da apposita commissione medica (verbale di invalidità civiel)

A chi rivolgersi

All’assistente sociale del Comune

Documentazione da presentare

Ø      La domanda va presentata compilando l’apposito modulo disponibile presso l’ufficio dell’assistente sociale

Ø      Redditi personali

Ø      Ricevute pagamento affitto

Ø      Importo della retta da pagare

Ø      Eventuale estratto conto bancario

Ø      Attestazione ISE/ISEE, che ha validità annuale.

Tempi di erogazione

Per l’erogazione del contributo i tempi standard sono di pochi giorni

Per presentare la domanda e/o informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

 

SOGGIORNI CLIMATICI PER ANZIANI

Il servizio è rivolto a persone ultrasessantenni e mira alla promozione della qualità e di positivi stili di vita, all’arricchimento culturale e alla fruizione di momenti di relax e di vacanza all’insegna della salute, del benessere e del divertimento. I soggiorni climatici avvengono in località balneari, montane, di lago e termali. Oltre all’animazione, i soggiorni forniscono assistenza infermieristica.

Il servizio è gestito per conto del Comune dall’U.L.S.S. nr. 4 “Alto Vicentino” – Ufficio Soggiorni Climatici.

E’ un servizio annuale che indicativamente parte dall’inizio di giugno e termina a fine settembre con varie date a seconda del soggiorno scelto dall’utente.

Oltre ai tradizionali soggiorni climatici il servizio propone itinerari turistico-culturali e “percorsi benessere”.

L’organizzazione del servizio prevede che la raccolta delle adesioni ai soggiorni venga fatta esclusivamente presso i Comuni di residenza i quali trasmetteranno le adesioni ai vari soggiorni proposti all’U.L.S.S..

L’età minima di partecipazione ai soggiorni è di 60 anni tanto per le donne quanto per gli uomini. Può essere inferiore ai 60 anni nel caso di persone segnalate dai servizi socio-sanitari: portatori di handicap, persone che necessitano di particolari cure mediche e di cure termali, coniuge di un ultrasessantenne.

Particolari situazioni fisiche e psichiche dei partecipanti con limitata autonomia prevedono che sia necessario l’accompagnamento di una persona di fiducia per singolo utente o per gruppi di ridotte dimensioni, oltre che una precauzionale scelta della località e della posizione dell’albergo.

Le persone disabili e con bisogni speciali possono essere ospitate presso un “ambiente protetto” e privo di barriere architettoniche che prevede un servizio di assistenza personale con un rapporto di un assistente ogni due ospiti.

A chi rivolgersi

All’Ufficio dei Servizi Sociali del Comune di Malo

Quando iscriversi ai soggiorni climatici

Il periodo per l’inizio delle iscrizioni, che viene di anno in anno ampliamente pubblicizzato, inizia indicativamente in aprile.

Per iscriversi e/o per informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino n. 2 – Malo

 

TELECONTROLLO - TELESOCCORSO

Descrizione del servizio

Il servizio è stato istituito dalla Regione Veneto e viene svolto in collaborazione con i Comuni e con l’ULSS. E’ un servizio rivolto alle persone anziane e ai disabili che vivono soli e in condizioni psicofisiche problematiche.

Il telesoccorso è un servizio di controllo telefonico collegato ad un centro operativo funzionante 24 ore su 24. Ogni utente è dotato di un mini-apparecchio provvisto di una cicalina dotata di pulsante portata al collo o conservata a portata di mano, che se premuta fa scattare un segnale d’allarme al centro operativo. Il centro operativo è in grado di agire immediatamente ed attivare tutte le risorse necessarie per intervento urgente. Il centro operativo, inoltre, contatta anche più volte alla settimana l’utente per conoscere le sue condizioni.

In caso di necessità l’utente ha la possibilità di chiedere aiuto direttamente.

Requisiti

Per accedere al servizio il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

Ø      Essere residente nel comune di Malo

Ø      Non autosufficienza o parziale autosufficienza certificata dal medico curante.

A chi rivolgersi

All’ufficio dei servizi sociali del Comune.

Documentazione da presentare

Certificato medico comprovante la non autosufficienza o parziale autosufficienza.

Costi del servizio

Il servizio è gratuito

Tempi di erogazione del servizio

Compatibilmente con le disponibilità, per l’erogazione del servizio i tempi standard sono di 40 giorni (salvo urgenza)

Per informazioni

Ufficio dei Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

 

TRASPORTO COMUNALE PER ANZIANI O DISABILI

Descrizione del servizio

E’ un servizio rivolto alle persone disabili o con problemi motori o che comunque hanno difficoltà a spostarsi con i servizi pubblici o con i mezzi propri o dei familiari. Il servizio offre quindi la possibilità di spostamenti mediante l’utilizzo di mezzi comunali anche attrezzati e di personale del Comune o di autisti volontari.

Il trasporto deve avvenire in condizioni di sicurezza per l’utente e per l’operatore; pertanto, qualora se ne ravvisi la necessità, va assicurata la presenza di accompagnatori personali o di attrezzature o ausili ritenuti necessari, procurati dall’utente stesso.

Requisiti

Per accedere al servizio il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

Ø      Essere residente o dimorante nel comune di Malo

Ø      Problematiche che impediscano l’utilizzo di mezzi pubblici o propri

Ø      Mancanza o carenza di risorse personali e familiari

A chi rivolgersi

Per l’ammissione al servizio occorre rivolgersi all’assistente sociale. Per la successiva richiesta dei singoli trasporti rivolgersi all’ufficio Servizi Sociali

La domanda va presentata compilando l’apposito modulo disponibile presso l’ufficio dell’assistente sociale. Alla domanda segue un colloquio da parte dell’assistente sociale

Costi

E’ prevista una compartecipazione economica da parte dell’utente. Nei casi previsti dal regolamento comunale o da specifica relazione dell’assistente sociale, il servizio è gratuito

Tempi di erogazione del servizio

Una volta valutata la necessità del servizio e verificata la disponibilità del personale e dei mezzi comunali i tempi per l’ammissione al servizio sono di pochi giorni

Per informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 - Malo

 

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

L’art. 30 della Legge Regionale 08.05.1985 n. 54, come sostituito dall’art. 1 della L.R. 30.07.1996 n. 19, prevede agevolazioni tariffarie per l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico locale, a favore di fasce deboli dell’utenza e in casi particolari anche ai loro accompagnatori.

Requisiti

Per ottenere le agevolazioni il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

  • Residenza nel Comune di Malo
  • Appartenenza ad una delle categorie stabilite dalla legge. Per talune categorie l’ammissione al beneficio prescinde dai redditi del richiedente (invalidi di guerra o per servizio di categoria dalla 1^ all’8^; ciechi civili assoluti; invalidi del lavoro almeno all’80%; minori beneficiari di indennità di accompagnamento o di frequenza o per ciechi civili parziali o per sordi prelinguali; beneficiati di indennità di accompagnamento); per altre invece è necessario che il richiedente non abbia un reddito superiore a quello stabilito dalla legge (invalidi civili con invalidità non inferiore al 67%; invalidi del lavoro dal 67% al 79%; ciechi parziali con residuo visivo fino a 1/10 in entrambi gli occhi con eventuale correzione; sordomuti. Anche gli eventuali accompagnatori di minori o non vedenti aventi diritto possono fruire delle stesse agevolazioni, esclusivamente nell’esercizio della loro funzione.

Come, dove e quando presentare la domanda

La domanda può essere presentata su apposito modulo all’ufficio del servizi sociali comunali in qualsiasi momento dagli aventi diritto.

Documentazione da allegare

Fotocopia di documento di identità personale

Certificato di invalidità

Copia del libretto della pensione (se previsto dalla categoria di appartenenza) oppure autocertificazione

Nr. 1 foto tessera

Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.

Tempi di erogazione

Una volta ricevuta la domanda e verificati i requisiti, il Comune trasmette i dati alla Provincia che rilascia una tessera di riconoscimento di validità decennale, trasmettendola al Comune che provvede a consegnarla all’interessato, di norma entro 30 giorni dalla domanda.

Per  informazioni

Servizi Sociali – via San Bernardino nr. 2 – Malo

Via S. Bernardino, 19


P.Iva IT 00249370248

Codice Iban IT86E0622512186100000046294

Codice Bankit Comune di Malo: 0070526

PEC: malo.vi@cert.ip-veneto.net